Loading...

Automobili ibride: cosa sono e perché dobbiamo incentivarne l’uso

i vantaggi dell'auto ibridaPrima di convincere tutti quanti ad abbandonare un mezzo inefficiente come l’automobile per il grosso degli spostamenti, ci vorrà sicuramente tanto tempo.

Ma non facciamo i manichei, ogni passo nella direzione giusta da il suo contributo, ed è perché questo che oggi affrontiamo il tema delle automobili ibride, che ormai sono acquistabili anche nel nostro paese e che sono un deciso passo in avanti rispetto alle vecchie e inquinantissime macchine a benzina.

Di cosa si tratta?

Una autovettura ibrida è una macchina che utilizza due fonti di energia. Da un lato c’è la benzina e dall’altro una fonte di energia alternativa: sono in genere usati propulsori elettrici, anche se sta diventando sempre più comune incontrare vetture che utilizzano altre propulsioni.

Sono diventate molto popolari, soprattutto negli Stati Uniti, anche se in Europa non possiamo lamentarci.

Perché si alle ibride

Le ibride sono vetture in grado di passare da una fonte di energia all’altra senza troppi problemi. Perché usare la benzina? Perché in alcuni casi, come i lunghi viaggi in autostrada, è ancora vantaggiosa, e non solo per le tasche.

Avendo un mezzo di locomozione che ci permette di decidere quale fonte usare, potremo essere guidatori più efficienti, risparmiando tanti soldini e inquinando di meno.

Il risparmio… per l’ambiente

Se deciderai di scegliere una ibrida, sarai tra coloro che pur non rinunciando alla comodità dell’automobile, hanno deciso di avere un impatto minore sull’ambiente che ci circonda.

Quando possono essere usate ad energia elettrica (e questo è particolarmente vantaggioso nelle nostre città, dove prima, seconda, stop è un ciclo dal quale difficilmente si esce) queste vetture inquinano molto meno di quelle che utilizzano solamente la benzina.

Vi sembra roba da poco, ma se pensate che nella sola Roma ogni giorno transitano più di 6.000.000 di veicoli, il problema mostrerà la sua vera magnitudo

E di problemi? Non ce ne sono?

Di problemi ce ne sono, soprattutto se contiamo che si tratta di una tecnologia relativamente giovane, e che ha ancora bisogno di spazio per crescere. Innanzitutto le ibride sono in genere più costose.

Di solito hanno costosissime batterie ad alto voltaggio e due motori a bordo. L’investimento iniziale è alto, ma nel giro di pochi anni, soprattutto se usiamo di frequente la macchina, dovremmo rientrare del capitale investito senza problemi.

Venderla? Ricaveremo poco

Se decidessimo di rivendere l’auto dopo qualche anno, il prezzo che riusciremmo ad ottenere non sarebbe per niente interessante.

Le batterie contenute all’interno vanno sostituite a cadenze regolari, e in aggiunta la tecnologia viaggia a passo tanto spedito che sono in pochi coloro che decidono di acquistarne una di seconda mano. 

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Ioverde.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons