Loading...

Che cos’è l’Impronta Ecologica?

calcolare l impronta ecologicaL’impronta ecologica serve a capire quali sono i consumi dell’Uomo e quale impatto ha sull’ambiente. Il dato può essere calcolato per aree geografiche, oppure in riferimento a singole persone.

Ecco come funziona l’indicatore e come è nata la questione “Impronta Ecologica”.

Come si misura l’impronta ecologica

L’impronta ecologica si misura tenendo conto di questi fattori:

  • I consumi della popolazione;
  • I terreni che possono essere sfruttati per l’agricoltura;
  • La zona di riferimento (come Paese).

Quindi, per calcolare quanto il tuo stile di vita incida sull’ambiente, dovrai mettere in discussione le tue abitudini. Chi:

  • Mangia molta carne;
  • Acquista molti abiti;
  • Spreca molta corrente elettrica, magari proveniente da fonti non rinnovabili;
  • Non utilizza le formule di risparmio energetico;
  • Ha una casa molto grande;
  • Non fa la raccolta differenziata (quindi non ricicla).

ha un’impronta ecologica più pesante rispetto a chi tutela l’ambiente. Ovviamente, uno o più di questi elementi non ti rendono una persona “cattiva” dal punto di vista ambientale, anche considerando che l’impronta ecologica non è un valore preciso al millimetro.

Si tratta solo di una statistica: se si supera la soglia di 1,78 ettari di terreno per produrre ciò che serve, allora si ha un’impronta maggiore. Per eseguire il calcolo, puoi usare i questionari online presenti su Internet (che ti valuteranno in base alle abitudini), oppure seguire questa formula:

Impronta Ecologica = ( PIL + Importazioni – Esportazioni): numero di abitanti.

Per sapere, in media, quanto consumi da cittadino italiano.

Come nasce l’indicatore

L’impronta ecologica nasce nel 1996 e viene poi adottata dal WWF per capire quali fossero i consumi della popolazione umana e il conseguente impatto sull’ambiente. Nel 2003 fu creato il Global Footprint Network, una rete di 22 Paesi (tra cui l’Italia) nata per calcolare l’impronta ecologica media di ogni cittadino per singolo Paese.

L’impronta ecologica deve essere uno stimolo per consumare meno e in modo più intelligente. L’indicatore viene usato per capire le condizioni di salute della Terra, ma è affiancato da altri strumenti più precisi per un quadro completo (come, per esempio, l’aumento della temperatura ai Poli).

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Ioverde.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons