Loading...

Coltivare un orto a distanza: ecco cosa significa

cos'è orto a distanzaColtivare un orto stando comodamente seduti alla scrivania sembrerebbe impossibile. E, invece, grazie al progetto Le verdure del mio orto non lo è affatto.

In questo articolo vediamo proprio cosa significa coltivare un orto a distanza.

In cosa consiste il progetto?

Le verdure del mio orto è un progetto di coltivazione orticola a consumo diretto.

Tale progetto consente a chiunque – anche a chi non ha il pollice verde o non ha il tempo di dedicarsi alla vera e propria coltivazione di un orto – di avere sulla propria tavola prodotti agricoli freschi, genuini e di eccellente qualità.

Il consumatore, infatti, non deve fare altro che andare sul sito leverduredelmioorto.it, scegliere la tipologia e indicare la quantità di frutta e verdura che desidera e inviare la richiesta allo staff del progetto.

I prodotti, una volta coltivati e raccolti, saranno recapitati al domicilio del cliente, con una diversa frequenza a seconda del periodo dell’anno.

Per di più, le aziende – a dimostrazione della propria trasparenza – consentono ai clienti di far visita al loro orto e di raccogliere loro stessi i prodotti.

Occorre precisare, però, che al momento il progetto interessa i territori di Piemonte, Lombardia, Toscana e Lazio, anche se l’intenzione è quella di ampliare il network di aziende che collaborano all’iniziativa, così che anche le altre regioni italiane possano usufruire del servizio.

La coltivazione dei prodotti

Per garantire ai propri clienti qualità, freschezza e genuinità, i produttori coltivano gli orti attenendosi a precisi principi, nel pieno rispetto dei ritmi della natura.

Soltanto in questo modo, infatti, è possibile godere pienamente della bontà e delle proprietà benefiche di frutta e verdura.

Nessuna sostanza chimica

La coltivazione avviene senza che siano impiegati prodotti di sintesi, dannosi sia per noi sia per l’ambiente.

I coltivatori tengono sotto controllo la salute delle piante con metodi del tutto naturali:

  • le piante vengono nutrite soltanto con concimi naturali di tipo organico;
  • ove possibile, vengono piantate erbe aromatiche, al fine di tenere lontani da frutta e verdura gli insetti dannosi;
  • per tenere sotto controllo le erbe infestanti, che potrebbero minacciare il corretto sviluppo delle piante, vengono sfruttate le proprietà dei teli biodegradabili.

Minimo spreco di acqua

Il tipo di irrigazione impiegato è la cosiddetta irrigazione a goccia, che fornisce acqua alle piante in modo lento e regolare, minimizzando gli sprechi.

Raccolta a mano

La frutta e la verdura vengono raccolte rigorosamente a mano e appena prima di essere consegnate.

Essendo prodotti agricoli che non vengono trattati con alcun conservante, questo è essenziale affinché essi giungano freschissimi sulla tavola dei consumatori.

Filiera corta

Per tutelare l’ambiente e la freschezza dei prodotti, questi ultimi ultimi non vengono mai fatti viaggiare per molti chilometri.

Il progetto, infatti, prevede che al cliente vengano offerti solo prodotti agricoli di stagione ed esclusivamente coltivati nell’azienda – tra quelle che aderiscono all’iniziativa – più vicina al suo domicilio.

La consegna dei prodotti

Le modalità

Frutta e verdura vengono trasportate con furgoni a metano e consegnate presso il domicilio del cliente o in altro luogo da lui indicato (sul posto di lavoro, a casa di un vicino…).

Quanto al pagamento, il cliente è tenuto a pagare la merce solo dopo averla ricevuta e scegliendo, tra quelle disponibili, la modalità che preferisce (contanti, bonifico bancario, Paypal o carta di credito).

I periodi

Le consegne non avvengono con la stessa frequenza in tutti i periodi dell’anno.

A gennaio, quando i prodotti agricoli cominciano a risentire delle basse temperature, le consegne sono effettuate una volta ogni due settimane.

In febbraio e marzo la coltivazione di frutta e verdura – che non avviene in serre riscaldate – è molto difficile. Ecco perché durante questi due mesi le consegne sono sospese.

In aprile e maggio, quando – con l’arrivo della primavera – i prodotti cominciano nuovamente a maturare, le consegne riprendono con cadenza quindicinale.

Il periodo che va da giugno a dicembre è quello in cui gli orti offrono la maggior quantità di prodotti. Ecco perché in questo periodo è possibile effettuare consegne settimanali.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Ioverde.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons