Loading...

Cos’è e come funziona un Termovalorizzatore?

termovalorizzatoriI termovalorizzatori sono degli impianti che bruciano i rifiuti per produrre energia. Per questo motivo, si chiamano anche inceneritori. Ecco cosa sono nei dettagli e come funzionano.

Cos’è

Il termovalorizzatore è un’industria che si basa sul rifiuto. L’idea di base è di bruciare i rifiuti per due scopi:

  • Fare spazio nelle discariche;
  • Produrre energia.

Per tenere stabile la produzione, il termovalorizzatore prevede una costanza dei rifiuti prodotti, cioè un tot. di tonnellate di rifiuti all’anno. Questo spiega perché i termovalorizzatori servono per vaste aree e perché la loro presenza disincentiva alla raccolta differenziata (perché c’è meno materiale da bruciare, quindi si mettono a rischio i posti di lavoro di chi opera nel termovalorizzatore, ecc.).

Per produrre, l’impianto genera polveri sottili che possono essere pericolose per la salute. A oggi, non c’è modo per raccogliere il cosiddetto “particolato” e le comunità protestano quando si pensa di costruire una struttura del genere.

Come funziona

Nella prima fase, i rifiuti vengono portati al forno per essere bruciati. Si produce così un gas metano. Il gas riscalda l’acqua, che si trasforma in vapore. Il vapore alimenta le turbine e produce energia elettrica apparentemente pulita.

Apparentemente, perché nel frattempo:

  • Si è dovuto utilizzare combustibile (spesso inquinante) per poter bruciare i rifiuti;
  • Le ceneri prodotte dai rifiuti bruciati vanno smistate in qualche modo;
  • L’acqua deve essere purificata prima di essere inserita nuovamente nell’ambiente.

Anche i terreni vicini possono subire ripercussioni dalla presenza di un termovalorizzatore, perché, anche con il rispetto di tutte le norme di sicurezza, può capitare che qualche residuo si infiltri nelle falde acquifere, oppure incida sui terreni coltivati nelle vicinanze.

Di solito, nei dintorni si cercano di evitare attività produttive e centri abitati proprio per evitare questo rischio: il termovalorizzatore insiste su un’area disabitata, magari vicina a una discarica per favorire il trasporto delle materie prime.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Ioverde.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons