Loading...

Detersivo ecologico: quale scegliere per la lavatrice?

detersivo ecologicoIl detersivo ecologico si può realizzare in casa, oppure si può scegliere tra i diversi marchi sul mercato, guardando a quelli che sono davvero ecologici. Ecco cosa fare in entrambe le situazioni.

Quale scegliere

Per scegliere il detersivo ecologico, verifica che:

  • La confezione sia facilmente riutilizzabile o biodegradabile. Alcune aziende si definiscono Salva Ambiente, proprio perché non prevedono una confezione vera e propria, ma consentono di riutilizzare confezioni vuote rimaste in casa.
  • Il prodotto rispetti l’ambiente. Di solito, il detersivo ecologico usa piante che, già per le loro caratteristiche, non hanno la necessità di altri elementi chimici per la normale detersione dei capi. Un odore troppo forte dovrebbe allontanare da prodotti non proprio ecologici.
  • Le confezioni famiglia. Contrariamente al pensiero comune, le ecodosi che evitano gli sprechi, in realtà generano scarti provenienti dal confezionamento della singola capsula, che nell’ambiente si disperde e causa danni.

Ci sono dei marchi poco noti, che fanno dell’ecologia la propria bandiera. Per la tua lavatrice, scegli prodotti locali, magari alla spina, oppure di linee ecologiche come Ecor e AlmacaBio. Le produzioni locali aiutano non solo l’economia, ma anche l’ambiente, perché si evita il trasporto su gomma e, di conseguenza, l’uso dei combustibili fossili per il pieno.

Il sapone di Marsiglia

Il sapone di Marsiglia è considerato un prodotto ecologico. Nei fatti è così, a patto che si parli del sapone che usavano le nostre nonne. Infatti, le pratiche confezioni liquide possono nascondere tensioattivi e altri elementi chimici che possono danneggiare i tuoi capi, oltre che l’ambiente. Non dimenticare l’alternativa fai da te. Basta tagliare 200 grammi di scaglie di sapone di Marsiglia e agitarle in un litro d’acqua per ottenere un sapone delicato per la lana e per quei capi che hanno necessità di maggiore protezione prima di essere puliti. Completa l’opera con un po’ di sodio citrato in polvere.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Ioverde.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons