Loading...

Diossina e agricoltura: come ci stanno avvelenando

pericoli agricoltura e diossinaLa diossina è uno dei composti chimici più inquinanti per l’ambiente e più tossici per l’uomo.

Prodotta prevalentemente dagli inceneritori per lo smaltimento dei rifiuti e dalle industrie chimiche e metallurgiche, la diossina persiste nell’ambiente e trasportata dal vento, tende a depositarsi su terreni distanti anche kilometri, inquinandone il suolo e le relative falde acquifere.

Il contatto con l’uomo

E’ dunque inevitabile un suo “ingresso” nella catena alimentare, con conseguenze gravi per l’uomo.

Infatti il contatto, che l’uomo ha con la diossina, avviene solo in piccola parte tramite la respirazione, mentre è tramite l’alimentazione che può assorbirne elevate quantità.

Frutta, verdura, latte e derivati, carni (la diossina tende a depositarsi prevalentemente nei tessuti adiposi) presenti sulle nostre tavole possono essere dunque contaminati dalla diossina, e l’ingerimento di questi da parte dell’uomo può avere importati ripercussioni. Vediamole.

Una elevata concentrazione di diossina può avere effetti drammatici

1) In primo luogo essa è estremamente cancerogena per l’uomo. Recenti studi hanno mostrato collegamenti inquietanti tra elevate concentrazioni di diossina nell’ambiente e mutazioni genetiche responsabili di diverse tipologie neoplastiche.

2) Conseguenze sul sistema riproduttivo dell’uomo. La diossina è responsabile del calo di testosterone, incide negativamente sulla spermatogenesi, determinando una diminuzione del livello di fertilità maschile.

3) Un’esposizione ad elevate concentrazioni di diossina è in grado di provocare l’insorgere di endometriosi nelle donne.

4) La diossina è responsabile di Malformazioni fetali e mutamenti del D.N.A.

Come difenderci?

1) La diossina non è idrosolubile, quindi in caso di frutta e verdura è sufficiente lavarla bene per poterla consumare tranquillamente.

2) Moderare il consumo di carne, evitandolo del tutto quando non si è completamente sicuri della provenienza.

3) Far sentire la propria voce. E’ in gioco la nostra salute e non bisogna abbassare la guardia. Ci sono dei limiti alle emissioni di diossina stabiliti per legge ed imposti dalla comunità europea. Premere affinché chi di dovere controlli è un nostro diritto ma anche un nostro dovere.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Ioverde.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons