Loading...

Pannelli solari per l’acqua calda: quali scegliere per una abitazione di città

pannelli solari cittàNell’ambito degli impianti fotovoltaici, in grado di produrre energia pulita ed a basso costo, dobbiamo considerare anche i pannelli solari termici.

Si tratta di pannelli che, attraverso un meccanismo di conversione di radiazioni solari in energia termica, sono in grado di produrre acqua calda.

Qui, vogliamo fornirvi una sintetica guida, circa gli impianti fotovoltaici più adatti per la produzione di acqua calda, in una abitazione di città.

Pannelli solari per le abitazioni di città

Montare dei pannelli solari su edifici siti in grandi città, è un’operazione molto più complessa e dal rendimento energetico ridotto, rispetto l’installazione di un impianto fotovoltaico in zone con una minor densità abitativa.

L’ostacolo dell’urbanistica

La città si caratterizza, infatti, per una moltitudine di edifici di gradi dimensioni e che si sviluppano prevalentemente in altezza. Si tratta di condomini ed uffici, i cui spazi liberi, sono insufficienti ad ospitare un numero adeguato di pannelli solari.

Inoltre, tali edifici, sono spesso posizionati l’uno a ridosso dell’altro, rendendo ulteriormente complicato un corretto posizionamento dei pannelli solari.

Pannelli solari termici

Gli impianti fotovoltaici dediti alla produzione di acqua calda, attraverso gli appositi pannelli solari termici, possono essere di due tipi. Impianti fotovoltaici a circolazione naturale ed impianti fotovoltaici a circolazione forzata.

Gli impianti a circolazione naturale sono più adatti ad edifici situati in campagna o in località balneari, in quanto rendono al massimo in zone particolarmente soleggiate.

Gli impianti a circolazione forzata, invece, rappresentano la soluzione ideale per una abitazione di città.

Pannelli solari termici a circolazione forzata

I pannelli solari termici a circolazione forzata hanno un meccanismo di funzionamento piuttosto semplice. All’interno dei pannelli, infatti, è presente un liquido che, esposto ai raggi del sole, tende a riscaldarsi. Raggiunta la temperatura desiderata, tale liquido viene inviato al serbatoio interno dell’edificio, dove provvederà a riscaldare l’acqua in esso presente.  

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Ioverde.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons