Loading...

Che animali vivono nel parco nazionale d’Abruzzo?

Animali parco nazionale d'AbruzzoIl parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise è il più antico parco nazionale d’Italia. Con i suoi 49.680 ettari, Il parco abbraccia le province dell’Aquila, Frosinone ed Isernia, toccando ben tre regioni diverse. Il parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise è un esempio di tutela della natura e dell’ambiente.

Qui vogliamo elencarvi le principali specie animali che lo popolano.

Orso Bruno Marsicano

L’orso bruno marsicano è il simbolo del parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Presente tra i 30 e i 50 esemplari, l’orso bruno è senz’altro l’animale più conosciuto del parco. Si tratta di un animale mansueto, dalla grande stazza, solitario e per nulla aggressivo nei confronti dell’uomo. Purtroppo non è particolarmente semplice il suo avvistamento all’interno del parco.

Camoscio d’Abruzzo

Ben più numerosa è la specie del camoscio d’Abruzzo. Essa, infatti, è presente nel parco con circa 600 – 700 esemplari. Animale erbivoro, il camoscio d’Abruzzo si distingue per le sue lunghe corna e per il suo particolare pelo, in grado di cambiare colorazione nei diversi periodi dell’anno.

Lupo Appenninico

Il parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise offreanche circa 40 – 50 esemplari di lupo appenninico. Si tratta di un animale leggermente più piccolo del lupo comune, che vivere indifferentemente da solo o in branco, cibandosi normalmente di animali di taglia media.

Lince

La lince è presente nel parco in numero piuttosto esiguo. In effetti, in tempi recenti, sono stati avvistati solo 10 esemplari. All’interno del parco, la lince ama vivere nelle zone ai limiti dell’impraticabile. Le sue principali caratteristiche sono le lunghe orecchie diritte, con dei ciuffetti alle estremità, e la corta coda con la punta colorata di nero.

Cervo

Il parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, presenta inoltre anche circa 700 – 800 esemplari di Cervo. Il Cervo, così come accaduto anche per il Capriolo, è stato un animale a lungo assente nel parco, scomparso quasi subito dopo l’istituzione del parco stesso. Solo nella prima metà degli settanta, infatti, si è provveduto ad una sua reintroduzione.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Ioverde.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons